Una vergogna storica (Alto Adige mon amour)

0

Sarentino – Sarntal

Riprendo questo articolo di Ferruccio Sansa per il Fatto Quotidiano per far capire quanto demagogica sia la richiesta di eliminare lupe, leoni e animali vari dalla città di Bolzano mentre in … campagna esistono ancora obbrobri di questo tipo. Dopo il mOnumento alla Vittoria di Bolzano, la storicizzazione deve farne ancora di strada …

La statua contro il “giudeo” non si può toccare (di F. Sansa)

“Iuden”. Giudeo, ebreo. Fa un certo effetto rivedere quella parola usata come uno schiaffo. Un insulto. Impressa su una targa con quei caratteri gotici dorati, parecchio sinistri.
“Iuden”, scritto sotto gli occhi di tutti, ai piedi di una statua che da un giardino si affaccia sulla strada.
A Sarntal, o Sarentino all’italiana, non se lo aspettavano di finire al centro delle polemiche, proprio il Giorno della Memoria. In questo paese dell’Alto Adige, provincia di Bolzano, dove il benessere e la serenità ti pare che trabocchino ovunque guardi. Paese di prati e boschi, di laghi e torri antiche.
Eppure già pronunciare il nome crea qualche disagio, richiama una scelta di campo: Sarntal o Sarentino, altoatesini oppure italiani.
“È la sindrome dei gerani”, dice qualcuno. Quei fiori meravigliosi che vedi su tutti i balconi, ma che rischiano di nascondere e profumare un mondo non sempre così felice.

In paese da tempo è comparsa una statua che divide. Ma nessuno riesce a farla togliere. Racconta un abitante italiano: “Un monumento dedicato ai Kaiserjager che hanno combattuto contro l’Italia”. Ma questo è il meno, ci sono abituati da queste parti. Il problema non è la statua del soldato che combatte lo Stato che governa il paesino. Il punto è la dedica. “In memoria dei Kaiserjager caduti nella Prima Guerra per Dio, il Kaiser e il Tirolo. Morirono vittime del più grande tradimento della storia perpetrato dal re italiano Vittorio Emanuele III e dal suo compare e ministro degli Esteri, l’ebreo barone Luigi (in realtà si chiamava Costantino, ndr) Sidney Sonnino”. La vecchia storia dell’Italia che decide di combattere contro l’Austria, rispolverata un secolo dopo. Ma il punto è quella parola: Iuden, per calcare il concetto di nemico, traditore.

Subito, eravamo nel 2010, intervengono i consiglieri provinciali verdi Hans Heiss e Riccardo Dello Sbarba: “Chi spiega il supposto tradimento italiano come espressione dello spirito ebreo esercita consapevolmente antisemitismo allo stato puro e viola la legge Mancino contro l’odio razziale. La targa deve essere tolta: Comune, forze dell’ordine e magistratura devono intervenire”. Ma che cosa accade? Niente. Hanno tentato anche il senatore Luigi Compagna. Poi i giudici. Proprio ieri ha riprovato Alessandro Urzì, consigliere provinciale di Alto Adige nel Cuore: “Una scritta orrenda. Contro gli ebrei, prima di tutto. Ma anche contro noi italiani”.

E non c’è riuscito nemmeno il sindaco, pardon Bürgermeister, Franz Thomas Locher: “È proprio una brutta scritta. Noi abbiamo negato il permesso edilizio, perché è troppo vicina al confine del giardino. Sotto gli occhi di tutti quelli che passano”.

Niente da fare. Nell’Italia che non sa ricordare, le targhe commemorative non si toccano. Anche quelle antisemite.

È “la sindrome dei gerani”. Come racconta Heiss: “Qui ci sono stati vent’anni di fascismo e venti mesi di nazismo. Così capita che tra gli estremisti di lingua tedesca ci sia chi guarda con simpatia al Terzo Reich e tra gli estremisti di lingua italiana si veda con nostalgia Mussolini”. Nazismo contro fascismo.

In Alto Adige torna l’antisemitismo? “Serpeggia, ed è tollerato, un sentimento che associa antichi rancori a certi miti”, sostiene Urzì. Heiss è più cauto: “Almeno a livello pubblico, l’antisemitismo è sempre condannato. Più che in passato. Forse sui social…”.

Ecco i gerani che, racconta ancora Heiss, hanno nascosto dietro petali profumati la diffidenza di certi altoatesini verso Franz Thaler, il cittadino di Sarentino reduce da Dachau e autore di un grande libro: Dimenticare mai. Mentre tra gli italiani c’era chi magari celebrava il 4 novembre davanti al monumento costruito durante il Fascismo.

Altoatesini contro italiani. E in mezzo, come 80 anni fa, gli ebrei che non c’entravano niente. Capri espiatori.

Share.

Comments are closed.

ATTIVA COOKIES
Chiudi questa finestra e acconsenti ai cookie su questo sito OK, CHIUDI

Cosa sono i cookies?
I cookies sono piccoli file di testo che vengono salvati sul tuo computer quando visiti determinati siti internet. Per questo sito e relativi sotto-domini utilizziamo cookies, chiedendone il consenso all’utente ove la legge o i regolamenti applicabili lo prevedano, per agevolare la navigazione e personalizzare le informazioni rivolte all’utente. Utilizziamo inoltre sistemi simili per raccogliere informazioni sugli utenti, quali ad esempio indirizzo IP, tipo di browser e sistema operativo utilizzato e/o pagine web visitate da un utente, per finalità statistiche o di sicurezza. Ti informiamo che se deciderai di disabilitare o rifiutare i cookies alcune parti di questo sito e relativi sotto-domini potrebbero essere inaccessibili o non funzionare correttamente. Pertanto per un utilizzo agevolato e completo di questo sito sarebbe opportuno che l’utente configurasse il proprio browser in modo che accetti la ricezione di tali cookies. I cookies non sono dannosi per il tuo computer, tablet o smartphone. Nei cookies generati di questo sito e relativi sotto-domini, non vengono conservate informazioni identificative personali ma solo informazioni criptate.
Questo sito e relativi sotto-domini utilizzano i seguenti cookies:
Cookies di navigazione
Questi cookies sono fondamentali per permetterti di navigare sul sito ed utilizzare le sue funzionalità. Senza cookies è possibile che alcune funzionalità non siano accessibili o non funzionino correttamente. I cookies strettamente necessari sono utilizzati per memorizzare un identificatore al fine di individuare l’utente in modo unico rispetto ad altri utenti, in modo da fornire all’utente un servizio coerente e preciso.
Performance cookies
Questi cookies possono essere nostri o di partner, di sessione o persistenti. Il loro utilizzo è limitato alla performance e al miglioramento del sito. Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l’utente. Tutte le informazioni raccolte da questi cookies sono aggregate in forma anonima e sono utilizzate solo per migliorare la funzionalità del sito.
Cookies funzionali
I cookies solitamente sono conseguenti ad un’azione dell’utente, ma possono essere anche implementati nella fornitura di un servizio, non esplicitamente richiesto, ma offerto all’utente. Possono essere inoltre utilizzati per evitare di offrire nuovamente ad uno specifico utente un servizio già proposto. Inoltre, questi cookies permettono al sito di tenere traccia delle scelte dell’utente. Le informazioni raccolte da questi cookies sono anonime e non possono ricondurre il comportamento dell’utente su altri siti.
Come disabilitare i cookies
Le norme sulla protezione dei dati personali prevedono che l’utente possa disabilitare cookie già somministrati (“opt-out”). L’opt-out è previsto per i cd. “cookie tecnici” (art.122 del Codice della Privacy), nonché per i cookies che non rientrino tra i “cookie tecnici”precedentemente accettati (“opt in”) dall’utente. In forza di tale distinzione,l’utente potrà procedere alla disabilitazione e/o cancellazione dei cookie (“opt-out”) mediante le relative impostazioni del proprio browser e alla disabilitazione e/o cancellazione dei singoli cookie non “tecnici” somministrati dalle terze parti accedendo al sito web gestito da European Interactive Digital Advertising Alliance (EDAA) all’indirizzo www.youronlinechoices.eu